martedì 14 dicembre 2010

Con le ciaspole in Val Troncea



Sabato scorso essendo una giornata splendida ne abbiamo approfittato per un'escursione con le ciaspole in Val Troncea.
La nostra "ciaspolata" si è snodata lungo un bellissimo sentiero dentro al parco naturale della Val Troncea. Questa valle, oltre ad essere bellissima, è anche comoda da raggiungere per noi, essendo una valle laterale della Val Chisone. E in effetti ci andiamo spesso per qualche escursione.

Abbiamo camminato circa per due ore fino a raggiungere il rifugio Troncea. Lì abbiamo pranzato con dei panini e un ottimo bicchiere di vino rosso. Ci siamo goduti un pò il sole, abbiamo ripreso fiato e poi siamo ripartiti per scendere.






La cosa bella del vivere la montagna con le ciaspole è la tranquillità che la pervade: tanto mi piace la tranquillità in montagna d'estate, tanto mi piace in inverno. Io decisamente preferisco questo tipo di sensazione alla montagna dove a farla da padrone sono gli impianti di risalita, il caos e gli schiamazzi. Adoro la dimensione naturale del paesaggio non deturpato da niente di antropico. Sabato praticamente c'eravamo solo noi, qualche altro ciaspolatore e qualche sciatore di fondo. Sarò un pò matta ma confesso di sentirmi in pace con il mondo quando intorno ci sono solo pini imbiancati e tantissima neve. :-)



5 commenti:

Daniela B. ha detto...

Domenica abbiamo fatto una gita anche noi, ma la neve era così gelata che siamo andati su senza ciaspole e la neve ci reggeva bene!Condivido le tue considerazioni sulla bellezza della natura innevata...pensa domenica ho visto due caprioli da vicino!! :-)

Cicabuma ha detto...

Matta? Matta? Ma che dici!!! Matti sono quelli che si mettono in fila per ore per risalire una montagna e poi buttarsi giù con gli sci su piste sofraffollate per poi rimettersi in fila per ore per risalire una montagna e poi buttarsi giù con gli sci su piste sofraffollate per poi rimettersi in fila per ore per risalire una montagna e poi buttarsi giù con gli sci su piste sofraffollate per poi rimettersi... ecc... ecc... Non vedono niente di quello che c'è attorno a loro e certamente non sono in grado di goderselo appieno!!!
Un bacio
Francesca

Emanuela ha detto...

Io adoro la montagna, in ogni stagione, condizione metereologica, temperatura e soprattutto con ogni opportunità di viverla: la sento parte di me e soprattutto mi sento parte di questa natura.
Anche nel "buttarsi giù con gli sci ai piedi" si può trovare una grande magia, e non è detto che lo si debba fare ad occhi chiusi e con il cuore in tasca ... è un altro modo di godere della montagna, l'importante è viverlo con la consapevolezza che TU sei lì in e con la montagna.

Ikka ha detto...

@daniela: bellissimi i caprioli quando capita di vederli!:-)

@francesca: Allora se dici che tanto matta non sono mi sento meno sola!:-)

@emanuela: condivido quello che dici, e sono sicura che anche con gli sci ai piedi si possa godere della natura ma il mio pensiero era riferito a molti che invece in montagna ci vanno in inverno perchè" sciare è molto cool" senza avere troppo rispetto della montagna in sè!:-)

Sibia ha detto...

bellissima la val troncea... poi in notturna ha ancora più il suo perchè, soprattutto con la neve!